Suzuki Rally Cup: Rally Trofeo ACI Como decisivo per il titolo 2017

 Il Rally Trofeo ACI Como è una prova decisiva, di quelle che valgono una stagione. Lo sarà, per la prima volta, per Giorgio Cogni, che avrà l’occasione di segnalarsi all’attenzione del mondo dei rally, dando il via ad una carriera che avrà sicuramente un futuro vincente; sarà un’ottima opportunità anche per Simone Rivia, il più esperto parmense che, invece, si presenta a Como per la seconda volta consecutiva, con motivate ambizioni di affermazione.

Due piloti differenti, Cogni e Rivia, per età, esperienza, stile di guida; quasi complementari, due piloti che incarnano lo spirito e la filosofia sportiva di Suzuki. Entrambi arrivano alla finalissima con vittorie e importanti piazzamenti, ma con una parabola diversa: discendente per Rivia, che ha perso la leadership di campionato nella parte centrale del calendario, ascendente per Cogni, che al ha sorpassato l’avversario nelle ultime gare, dove si è affermato e dato consistenza al primo posto anche nella classifica “Junior” riservata agli under 25.  Cogni ha dichiarato, infatti:  “Abbiamo iniziato bene, ma la sfortuna ci ha preso di mira dal rally della Marca ed ora siamo in corsa ma con qualche svantaggio, per cui dovremo attaccare fin dal primo metro di gara.

Nel 2013, all’esordio, le gare erano molto più corte e siamo arrivati terzi, nel 2016 abbiamo combattuto sino all’ultimo metro con Peloso, arrivando secondi. Quest’anno il livello si è alzato ulteriormente con l’arrivo di Pellè e Cogni. Giorgio, infatti, è cresciuto tantissimo”;  Simone Rivia, invece, afferma:  “Prima del Rally di Como la tensione è altissima e so che qualsiasi calcolo sarebbe inutile. Comunque, sono molto contento del percorso che ho fatto fino ad ora e dei risultati di quest’anno, vincere sarebbe un grande soddisfazione e un sogno che si realizza. Riuscirci sarà molto difficile, perché Simone è fortissimo e, oltretutto, gli altri potrebbero intromettersi nella lotta.”

Infatti al via, fronte il lago di Como, saranno schierati anche i piloti che possono spostare l’ago della bilancia nella lotta per la vittoria, in quanto la matematica permette loro più d’una possibilità di affermazione: l’aostano Corrado Peloso è il campione uscente, anche se che non ha corso con continuità in questa stagione; il trentino Roberto Pellè, che ha vinto l’ultimo round a San Martino di Castrozza, può senz’altro dir la sua nella corsa per un posto sul podio, dovendo però guardarsi dalle velleità di Andrea Pollarolo.  I quindici punti assegnati in caso di affermazione al vincitore, più i tre del primo classificato della Power Stage, sono i punteggi distribuiti ad ogni tappa della serie monomarca di Suzuki Italia, mentre cinque sono i risultati utili sulle sei gare disputate, anche se non sarà possibile scartare l’ultima di Como.  Il 36° Rally Trofeo ACI Como scatterà venerdì pomeriggio da piazza Cavour: quattro prove nel Triangolo Lariano. Seconda tappa il sabato, con cinque prove tra Val Cavargna e Intelvi; in tutto quasi 118 km di prove speciali, pari a ben 27% dei 436 km del tracciato totale.