[Video] Volvo V90 Test Drive #truetest

Il marchio Volvo sta vivendo indubbiamente un periodo di grandi risultati. Infatti, proprio nel periodo in cui stavamo testando per voi la bellissima ammiraglia V90 il marchio svedese comunicava il suo rafforzamento nel mercato globale.

Volvo ha infatti dichiarato di aver chiuso il primo trimestre 2017 a quota 129.100 unità (+7,1% rispetto al periodo gennaio-marzo 2016), un ottimo risultato che conferma il successo soprattutto nelle regioni Asia-Pacifico ed Emea grazie ai modelli S90/V90 e XC60. Proprio le versioni berlina e SW della ammiraglia Volvo sono state in effetti un successo molto apprezzato in Europa da chi alla concretezza tipica del marchio ha associato anche nuovi spunti tecnologici e motoristici di alto profilo.

La Volvo V90 è ovviamente prodotta in Svezia, come la sorella station wagon, a Torslanda e il suo nuovo design porta la firma di Thomas Ingenlath, che ha messo a disposizione i suoi skills a servizio del Marchio svedese già da 4 anni. Inutile sottolinearlo, poiché è facile intuirlo già dalle nostre immagini, ma questa ammiraglia ha dimensioni molto importanti: lunga 496 cm, larga 188 cm e alta 144 cm.

Non da meno ovviamente la capacità del bagagliaio che fa segnare il valore di 500 litri con tutte le sedute al loro posto. Dandole un occhio dal punto di vista del design esterno le linee sono molto equilibrate e proporzionate, con una pulizia e un rigore stilistico tipicamente scandinavo. Al frontale fa bella mostra di sé la caratteristica griglia frontale caricata dal logo Volvo con struttura in diagonale. Formata da lame verticali, la mascherina traccia attraverso delle nervature tutta la lunghezza del cofano, mentre i fari proseguono il disegno squadrato lanciando le forme della vettura verso i fianchi. Tanto spazio in abitacolo e tanto comfort, i materiali sono di grandissima qualità e l’assemblaggio, così come le finiture, sono di alto livello. I sedili, sia anteriori che posteriori, sono davvero molto comodi anche nelle lunghe percorrenze e avvolgono il corpo senza mai affaticarlo. Ci ha lasciato un po’ più perplessi la parte posteriore dove, a nostro avviso, i gruppi ottici non rendono giustizia al colpo d’occhio facendo risultare la vettura un po’ troppo “pesante”.

Le dimensioni di Volvo V90 sono identiche a quelle di S90 ma  cambiano l’altezza (qui di 148 cm) e il volume di carico, che nella station wagon parte da 560 litri fino ad arrivare ad un massimo di 1526 litri. Quando di testa una vettura del marchio  Volvo non si può certo tralasciare l’aspetto tecnologico: il marchio svedese è infatti da sempre all’avanguardia per i sistemi legati al comfort di marcia e alla sicurezza attiva-passiva della vettura. Appena si entra in auto non passa inosservato il grande display touch da 9″ posto sulla plancia, che ospita tutto l’infotainment della S90, che a disposizione della vettura mette anche l’Apple CarPlay e Android Auto.

E’ disponibile anche l’utilizzo di una scheda dati personale per lo sfruttamento dell’hotspot in auto, mentre tra le app non manca Spotify. Per quanto riguarda la sicurezza, la V90 dispone del pacchetto di serie più completo del segmento tra la concorrenza: Lane Keeping Aid, l’Adaptive Cruise Control, il Lane Departure Warning, il City Safety e il Pilot Assist, che come precisano in Volvo, non rappresenta la guida autonoma ma vuole solo essere un ausilio alla guida nel caso in cui il conducente lasci il volante per una distrazione qualunque. In un caso simile, il Pilot Assist, leggendo la segnaletica orizzontale e verticale, tiene autonomamente la giusta traiettoria della vettura, evitando incidenti. Questo dispositivo è stato più volte testato in condizioni di marcia e ci ha davvero lasciati a bocca aperta per la sua efficienza.

La gamma motori della S90 e della V90 prevede propulsori benzina e diesel: tra i primi figurano il T5 da 254 CV e il T6 da 320 CV. Per i diesel c’è un 2.0 litri quattro cilindri declinato in 3 potenze: D3 da 150 CV, D4 da 190 CV e D5 da 235 CV (noi disponevamo di quest’ultimo). Quattro gli allestimenti in gamma: Momentum, Business Plus, R-design e Inscription. Non manca in listino il modello ibrido, che dispone di una potenza massima di 407 CV e di una coppia di 640 Nm.

Dal punto di vista della guida possiamo dire di aver provato una vettura perfettamente in linea con la concorrenza (soprattutto tedesca) anche se forse le manca qualche motorizzazione più performante per mettersi al 100% a confronto con i rivali teutonici. In attesa dunque di qualche propulsore TOP Perfomance, abbiamo apprezzato il Power Pulse, sistema fatto di un serbatoio di aria compressa, riempibile in circa 40 secondi, che al di sotto dei 2.000 giri/min. inietta aria aggiuntiva nella turbina, pre-caricando di conseguenza il sistema e consentendo uno scatto più pronto e un turbolag quasi inesistente.

Nella nostra complessiva esperienza di guida a bordo di S90 D5 AWD l’handling generale delle vetture si è rivelato molto buono grazie anche ad uno sterzo diretto e ad un telaio che garantiscono elevato comfort e una dinamicità più volta ad un’andatura turistica che sportiva. La frenata si è rivelata sempre pronta ed efficace, anche quando avviene alle alte velocità. Tre le modalità di guida, eco, confort e dynamic, ma anche in quest’ultima opzione l’assetto della vettura rimane piuttosto morbido nella guida sportiva proprio per privilegiare sempre il comfort di marcia. Il cambio automatico a controllo elettronico, con possibile utilizzo manuale sequenziale, a 8 rapporti, risulta piacevole in ogni circostanza e rende sempre fluida la guida. Per i prezzi non siamo assolutamente fuori mercato, anzi: la S90 parte da un minimo di 46.900 Euro e arriva fino a un massimo di 67.580 Euro; per quanto riguarda la V90 si varia invece dai 44.960 Euro ai 70.540 Euro.

Pregi

Comfort. Rumori e fruscii aereodinamici restano totalmente fuori dall’abitacolo.

Guida. Sicura e anche molto gradevole.

Sicurezza. Sono di serie molti dispositivi di aiuto alla guida.

Difetti

Baule. Da una Volvo così lunga ce lo aspettavamo un po’ più capiente.

Comandi. Concentrare quelli dei servizi di bordo nello schermo a sfioramento nella consolle non è sempre pratico.

Paolo Necchi

firma-paolo-necchi-motormedia-prs-media [Video] Volvo V90 Test Drive #truetest News Video Test Drive