[Video] Peugeot 208 GPL Test Drive #truetest

Non è la prima volta che testiamo una Peugeot 208 dato in passato avevamo provato la versione sportiva denominata GTI. Oggi però tocca ad una versione più parca nei consumi e più eco compatibile grazie alla sua doppia alimentazione benzina-GPL. Grazie al restyling arrivato allo scorso Salone di Ginevra, l’utilitaria francese gode oggi di un lifting che ne ha mantenuti attuali gli stilemi pur modificandone alcuni elementi quali i gruppi ottici anteriori e posteriori. Al suo interno sembra di essere seduti dentro una vettura di categoria superiore grazie ai materiali di buona qualità che sono stati assemblati con molta cura.

L’essere poi in versione GPL garantisce inoltre  costi di gestione bassi e permette l’accesso ai centri storici nei giorni di targhe alterne e chiusura al traffico.

La Peugeot 208 GPL piace e non poco e i dati di mercato ne sono la migliore testimonianza. La sua  linea equilibrata è sicuramente piaciuta ancora più di quella della precedente 207 che ha sostituito nel 2015. All’anteriore si apprezzano infatti i gruppi ottici dotati di luci diurne a LED e la mascherina ben integrata nel paraurti. Pulita la fiancata, con gli specchietti retrovisori che segnano l’inizio dell’abbassamento della linea di cintura. Bello anche il posteriore con i fanali a diodi luminosi che nel disegno ricordano un po’ gli artigli di un felino (leone).

Andiamo ora a vedere le dimensioni della Peugeot 208 GPL: la lunghezza si ferma a 397 centimetri, la larghezza 174 e l’altezza infine a 1 metro e 46. Nella media della sua categoria il bagagliaio, che offre una capacità di carico pari a 285 litri (con i sedili posteriori in posizione d’uso). Abbattendo gli schienali del divanetto, la capienza aumenta a 1152. Invariata quindi la capienza rispetto alle versioni a benzina ed a gasolio, rispetto alle quali però la 208 a gpl non può essere dotata di ruotino di scorta. Di serie nel baule è presente ovviamente il kit gonfia e ripara.

All’interno la Peugeot 208 si presenta più spaziosa di quanto ci si posa aspettare. Trovano infatti spazio quattro adulti, con il passeggero anteriore che dispone di notevole spazio per le gambe. Non appena ci si accomoda sul sedile anteriore salta all’occhio il volante dal ridotto diametro ed il quadro strumenti relegato sulla parte superiore del cruscotto. L’unica pecca è che con alcune regolazioni di sedile e volante (quest’ultimo regolabile sia in altezza che in profondità) alcune cifre degli strumenti risultano nascoste dalla corona del volante. La consolle centrale è dominata dal grande schermo a colori touchscreen che integra il sistema di navigazione (offerto come optional) ed il lettore cd/mp3, di serie il bluetooth e le prese usb/aux per collegare smartphone e lettori mp3. Scomodo il pulsante delle quattro frecce collocato poco sopra ai comandi del clima ed in posizione non facilmente individuabile a colpo d’occhio. Nelle percorrenze più lunghe oltre alla comodità dei sedili, abbiamo apprezzato molto i comodi portaoggetti presenti in quantità soprattutto quelli nelle porte.

Nella variante a doppia alimentazione, la Peugeot 208 monta un moderno impianto a GPL realizzato dall’italiana Landi Renzo, ditta leader nel settore con un’esperienza di oltre cinquant’anni. Il serbatoio da 33.6 litri è collocato al posto della ruota di scorta, mentre il bocchettone per il rifornimento è a fianco a quello della benzina.

Diversi gli allestimenti della Peugeot 208, tutti contraddistinti da una dotazione di serie completa alla quale si possono aggiungere numerosi optional. Di serie per tutte l’airbag passeggero disattivabile, gli airbag laterali e per la testa, gli attacchi isofix, il computer di bordo, il cruise control, i poggiatesta posteriori, il sedile di guida regolabile in altezza, l’utile servosterzo elettrico ad assistenza variabile ed infine il volante regolabile in altezza e profondità. Per tutte tranne la base Access troviamo anche i fendinebbia (a pagamento per la Active), la radio con aux/usb e vivavoce Bluetooth, i retrovisori elettrici riscaldabili ed il sedile posteriore frazionato. La sportivissima GTi by Peugeot Sport è l’unica ad essere dotata di differenziale autobloccante e controlli di trazione e stabilità disinseribili.

Ben otto le motorizzazioni disponibili per la Peugeot 208, quattro a benzina, tre a gasolio ed una a gpl. Quest’ultimo è il 1.2 PureTech da 82 cavalli di potenza dotato appunto della doppia alimentazione benzina/gpl. La vettura, che come già detto conoscevamo, ci ha convinto totalmente a livello di propulsore e ovviamente la cose che maggiormente ci ha colpito favorevolmente è stata l’autonomia: il serbatoio del GPL è incredibilmente enorme, oltre 30 litri, che permettono quindi un 400 km totali. Il tutto quindi, unito al serbatoio di benzina, porta la Peugeot a percorre fin oltre 1300 km  con entrambe i pieni. Il secondo aspetto che ci ha convinto riguarda la totale “indifferenza” della vettura ad andare sia a benzina che a GPL. Il suo rendimento è assolutamente uguale ed è davvero  impossibile accorgersi della differenza. il 1.2 PureTech sprigiona alla stessa maniera i suoi 82 cavalli con qualsiasi alimentazione. Per chi vuole risparmiare sul carburante sempre più caro e avere una vettura assolutamente perfetta su ogni strada, la Peugeot 208 GPL è ciò che di meglio offre il mercato.

Per quanto riguarda i prezzi si parte dai 14.550 euro della Peugeot 208 1.2 PureTech 82 cavalli Access 3p per arrivare sino ai 17.450 della Peugeot 208 1.2 PureTech 82 cavalli Allure 3p.

Pregi

Bagagliaio: Superiore alle concorrenti e identico alle versioni benzina e diesel.

Motore: Brillante e perfetto a prescindere dall’alimentazione utilizzata.

Dotazione: Ricca e completa senza richiedere necessariamente l’acquisto di optional fondamentali.

Spazio interno: abitacolo molto ampio per quattro passeggeri.

Consumi: incredibilmente bassi, garantiscono lunghissime percorrenze.

 

Difetti

Visibilità cruscotto: Poco visibile in alcune posizioni di sedile/volante.

 

Paolo Necchi

firma-paolo-necchi-motormedia-prs-media [Video] Peugeot 208 GPL Test Drive #truetest News Video Test Drive