Hamilton dominatore ad Austin, Ferrari che sprecona.

Hamilton vince negli USA e accorsa in classifica iridata.

Credit photo: Steve Etherington.

Lewis Hamilton ha vinto autorità il GP degli Stati Uniti, riducendo a 26 i punti di ritardo in classifica da Nico Rosberg.

Vittoria doveva essere e vittoria finalmente è stata per Lewis Hamilton il quale, dopo i due weekend difficili di Sepang e Suzuka, ha portato a casa il successo nel Gran Premio degli Stati Uniti ad Austin. L’inglese accreditato della pole position non manca lo stacco della frizione e si porta subito in testa. Qualche esitazione di troppo, invece, fa perdere una posizione a Nico Rosberg a vantaggio di Daniel Ricciardo (Red Bull). Col passare dei giri i teams constatano che la durata delle gomme sia oltremodo inferiore rispetto alle attese e così tutti sono costretti ad anticipare la sosta. Rosberg decide di tentare il colpaccio allungando lo stint grazie alle Medie, mentre Hamilton resta più conservativo e opta per la Soft, come del resto  fanno anche gli altri top drivers. Mentre per Max Verstappen (Red Bull) iniziano i problemi, prima con un ritardo ai box dovuto da un misunderstanding con i meccanici e poi con la rottura del motore che rende necessaria la Virtual Safety Car, Sebastian Vettel, avviatosi dalla terza fila, inizia a guadagnare molto sul compagno di squadra Kimi Raikkonen in crisi con le Yellow. Il muretto box Ferrari, dunque, decide di metterlo in condizione di prendersi il podio ai danni di Ricciardo ma, a causa del fissaggio errato di uno pneumatico durante il cambio gomme, il finnico è costretto a parcheggiare a bordo pista la propria SF16-H. Ricciardo così ha il via libera e si prende il podio alle spalle del duo Mercedes capitanato da Hamilton, il cui distacco in campionato è sceso a 26 punti rispetto al team mate Rosberg, che comanda con 331. Ancora un 4° posto per la Ferrari con Vettel, seguito da un Fernando Alonso (McLaren) in grande spolvero nel derby spagnolo con Carlos Sainz (Toro Rosso). 7°, nonché primo dei doppiati, Felipe Massa (Williams) seguito dalla Force India di Sergio Perez, dall’altra McLaren di Jenson Button e da Romain Grosjean che con l’unica Haas giunta al traguardo completa la top10.

Classifica completa.