Anche la Svezia verso il blocco dei motori a scoppio.

Anche la Svezia a favore del blocco dei motori a scoppio.

Dopo la Germania e l’Olanda, anche la Svezia si schiera a favore di un progetto di massima sostenibilità, caratterizzato da un mercato fatto di sole vetture a zero emissioni.

In Europa prosegue la “crociata” contro i motori a scoppio. Dopo quanto è emerso qualche settimana fa in Germania (leggi qui), anche in Svezia sono iniziate le “pressioni” per arrivare al blocco totale della produzione e della circolazione di vetture a benzina e diesel nel 2030. In questo caso, però, il provvedimento sarebbe più drastico poiché riguarderebbe tutti i paesi membri dell’Unione Europea. Una siffatta rivoluzione, il cui peso specifico nel Vecchio Continente sarebbe almeno pari a quella Industriale dello scorso secolo, sembra impossibile per almeno due motivi. In primo luogo, non tutte le case posseggono le risorse per adattarsi a tale cambiamento, in seconda battuta c’è l’elevatissimo peso specifico in ambito politico dei “petrolieri”, il cui mercato verrebbe drasticamente ridimensionato. A questo si aggiunge anche l’onere economico sulle spalle dei paesi dell’UE alcuni dei quali, nonostante la scadenza sia fissata almeno tra 14 anni, rischierebbero di piegarsi su sé stessi.