Tesla ancora sul banco degli imputati negli USA.

Il California Department of Motor Vehicles si scaglia contro Tesla per l’AutoPilot.

Il California Department of Motor Vehicles ha giudicato fuorviante la definizione “AutoPilot” utilizzata da Tesla per un proprio sistema.

Fuorviante: così è stato definito dal California Department of Motor Vehicles la denominazione “AutoPilot” utilizzata da Tesla per un proprio sistema di aiuto alla guida. Secondo il Ministero dei Trasporti californiano, infatti, il termine genererebbe fraintendimenti da parte del consumatore medio, che potrebbe credere di essere di fronte ad un veicolo dalla guida completamente autonoma e non, come in realtà è, dinanzi ad un sistema che modula la velocità e consente piccole correzioni al volante; niente più che un cruise control, insomma. Quest’episodio conferma il periodo nero che sta vivendo Tesla a causa dell’AutoPilot, iniziato con l’incidente mortale che ha visto vittima il proprietario di un veicolo della casa di Palo Alto e che da quel momento ha scaraventato il brand nell’occhio del ciclone. L’entourage di Tesla ha fatto sapere che si adeguerà alla richiesta del CDMV.