Sainz e Perez colpiti dalle prestazioni della Haas.

Carlos Sainz e Sergio Perez hanno manifestato il proprio stupore per il potere

Non smette di stupire il team Haas, che a Suzuka è stato in grado di centrare la top10, e la Q3, con entrambe le vetture.

Quello che ad inizio anno si pensava potesse essere un team meteora, quando mancano quattro gare è ormai diventato una conferma. Stiamo parlando della Haas, il team che schiera Romain Grosjean ed Esteban Gutierrez, e che stupisce una volta di più ad ogni racing weekend. La semplicità è il suo cavallo di battaglia e grazie ad essa a Suzuka stanno prevalendo su Williams e Toro Rosso, mettendo anche i bastoni tra le ruote alla Force India, divenuta da qualche gara a questa parte il primo tra i teams “clienti”, nonché la quarta forza del mondiale. La L’8a e la 10a posizione ottenute nelle qualifiche giapponesi hanno dato diversi pensieri a Sergio Perez: “E’ molto strano: sembrano avere un buon potenziale ma non sempre hanno trovato il modo di esprimerlo al 100%”. Secondo Carlos Sainz, invece, la prestazione è venuta “da nulla”.