Ad imola, nella Porsche Carrera Cup, Fulgenzi manca la vittoria sul filo di lana.

A causa di una toccata di Ledogar il pilota di Jesi vede sfumare una meritata vittoria nella gara mini endurance.

Proseguono le vicissitudini nella stagione 2016 di Enrico Fulgenzi, pilota del Centro Porsche Latina, tornato in pista questo week end sul tracciato Enzo e Dino Ferrari di Imola per disputare la sesta e penultima prova della Porsche Carrera Cup Italia 2016. Lungo un circuito a lui congeniale ma che, purtroppo, amplificava le problematiche patite della sua Porsche 911 GT3 Cup sin dall’inizio della stagione, Fulgenzi “The Dobermann” ha come sempre profuso il massimo impegno per emergere nel competitivo campionato monomarca organizzato da Porsche Italia.

Nel corso delle qualifiche Fulgenzi, malgrado le difficoltà riscontrate nel trovare il miglior set up della sua vettura, riusciva comunque ad ottenere un ottavo ed un sesto posto che facevano presagire alla possibilità di poter comunque puntare ad un podio in tutte e tre le manche di gara. In Gara 1 Fulgenzi scattava molto bene andando subito ad occupare la sesta piazza e ingaggiando, già nelle primissime battute, una bella lotta con Rovera. Nel proseguo della manche lo jesino non riusciva a sfruttare al massimo il potenziale della sua 911 GT3 Cup e si doveva accontentare della settima piazza finale sotto la bandiera a scacchi.

In Gara 2 Fulgenzi scattava bene dalla terza fila prendendo subito la scia del duo Rovera-Iaquinta con il quale per tutta la prima metà della manche ingaggiava una bella lotta. Nel corso del sesto giro una divagazione nella ghiaia di Rovera  costringeva, a sua volta, Fulgenzi ad un’uscita di pista che faceva perdere contatto all’ex campione della PCCI proprio con il duo. Successivamente a questo episodio Fulgenzi riusciva a riprendere la via della corsa senza danni alla vettura concludendo in quinta piazza a seguito del drive trough assegnato dalla Direzione Gara a Ledogar.

Nella terza manche, la mini endurance, Fulgenzi saliva in cattedra con una condotta di gara pressochè perfetta. Scattato dalla terza fila Fulgenzi manteneva subito la sesta piazza ma andando subito all’attacco di Rovera che lo portava a conquistare la quinta piazza. A seguito dell’uscita di pista di Iaquinta e Di Amato, Fulgenzi scalava in terza piazza poco prima dell’ingresso della Safety Car. Alla ripartenza, dopo il cambio pilota, Fulgenzi si metteva all’attacco del leader Rovera andando a sorpassarlo alla staccata della Rivazza. Quando mancava poco più di un giro il pilota del Centro Porsche Latina subiva una toccata dura da parte di Ledogar, sempre alla frenata della Rivazza, che lo mandava in ghiaia causandone il successivo ritiro. La battaglia con Ledogar è stato uno dei momenti più esaltanti della storia della Carrera Cup, purtroppo con un epilogo negativo per il pilota di Jesi che comunque ha dimostrato le proprie qualità e che se supportato da un mezzo competitivo non sarebbe secondo a nessuno. Un week end dunque molto intenso per il pilota marchigiano che a fine gara non riusciva a mascherare il disappunto per quanto accaduto in Gara 3.

Enrico Fulgenzi: ”Ad Imola sapevamo che avremmo dovuto soffrire con l’assetto della vettura dati i molti cordoli presenti nel layout della pista. Malgrado questo abbiamo lavorato molto per tirare fuori il meglio dalla vettura e già nelle prime due manche siamo riusciti a patire il meno possibile rispetto alla concorrenza. Gara 3 era la nostra gara perfetta e senza quella toccata di Ledogar adesso staremmo festeggiando una meritata vittoria. Peccato davvero. Adesso pensiamo però al Mugello dove voglio assolutamente chiudere la stagione nel migliore dei modi.”

L’ultima tappa stagionale della Porsche Carrera Cup Italia sarà dunque sul circuito toscano del Mugello nel week end del 15-16 Ottobre.

Aggiornamenti riguardo lo svolgimento dell’evento saranno presenti anche sui suoi profili social Facebook (Enrico Fulgenzi – The Dobermann) e Twitter (@EnricoFulgenzi).