Caso Verstappen: Wolff attacca, Horner risponde: “a lui non riguarda”.

Confronto non solo in pista ma anche ai microfoni tra Mercedes e Red Bull.

Botta e risposta tra Toto Wolff e Christian Horner all’indomani del GP del Belgio.

Il contatto con le due Ferrari e la condotta di gara con il coltello tra i denti di Max Verstappen a Spa-Francorchamps non ha lasciato indifferente il Circus della Formula 1; chi più chi meno ha infatti dato la propria versione su quanto accaduto. Su tutti il Direttore Esecutivo della Mercedes Toto Wolff, che ha commentato così lo stile di Max: “E’ un ragazzo che mi piace molto, ha una guida spettacolare e non ha paura; mi ricorda molto Ayrton Senna e Lewis Hamilton. La FIA ha deciso di non penalizzarlo per la condotta di gara in Belgio, ma deve stare attento o altrimenti rischia di farsi male”. Decisa la replica del Team Principal Red Bull Christian Horner: “Le critiche di Toto? Max e come guida non gli riguarda”. All’indomani della gara belga anche Motormedia ha deciso di esprimere il proprio parere attraverso la rubrica “l’Editoriale di Paolo Necchi” (leggi qui).