In Ungheria dal caos delle qualifiche emerge Rosberg.

Non tradisce le aspettative Nico Rosberg, in pole position nel Gran Premio d'Ungheria davanti al compagno Lewis Hamilton.

Nico Rosberg (Mercedes) ha “vinto” la lotteria per la pole position del Gran Premio d’Ungheria.

Ha perso invece la Formula 1, ed in particolare la direzione gara, apparsa di nuovo eccessivamente prudente in caso di pioggia. Dopo il sole di ieri e stamani, di pomeriggio si è abbattuto un temporale sull’Hungaroring e questo ha spinto Charlie Whiting a posticipare più volte lo start della sessione. Alla fine la bandiera a scacchi della Q3 è stata data ben due ore dopo il semaforo verde della Q1 e ciò ha portato nuovamente il collegio dei commissari nell’occhio del ciclone dopo i fatti di Silverstone. Rosberg ha saputo sfruttare bene il momento migliore della pista, ma anche la bandiera gialla che ha impedito al team mate Lewis Hamilton di migliorare il proprio ultimo tentativo, costringendolo alla 2° piazza. La seconda fila si è confermata feudo Red Bull con Daniel Ricciardo davanti a Max Verstappen, più staccata la Ferrari di Sebastian Vettel, il quale divide la 3a fila con un Carlos Sainz  (Toro Rosso) da applausi. 7° Fernando Alonso, “a braccetto” con il compagno di box Jenson Button, che confermano i miglioramenti della McLaren (da confermare poi su un tracciato veloce). Completano la top10 Sergio Perez (Force India) e Valtteri Bottas (Williams). Qualifica da dimenticare per l’altra Ferrari di Kimi Raikkonen addirittura fuori dalla Q3.

Classifica completa.

Credit photo: Paul Ripke