Spettacolo ed incertezza nel 3° round dell’Italiano ad Adria.

Boom di iscritti nella terza prova dell'Italiano Karting andato in scena ad Adria (RO).

L’Adria Karting Raceway ha ospitato il terzo round dell’Italiano Karting.

L’Adria Karting Raceway ha ospitato la terza prova del Campionato Italiano Karting. Denominatore comune nelle tre categorie “regine” (KZ2, OKJ e 60 Mini), presenti anche nelle quattro ruotine internazionali by WSK Promotion, è stato l’equilibrio. Complice l’inversione della griglia, infatti, in nessuna delle tre classi c’è stato un pilota in grado di fare “doppietta” nelle due gare e di questo ne ha beneficiato in primis lo spettacolo e in secondo luogo le classifiche assolute. In KZ2 è partito forte Francesco Celenta (Formula K/TM), che ha ottenuto il miglior crono nelle Prove di Qualificazione. Nelle Heats ad accumulare meno “penalità” di tutti è stato Alessandro Pelizzari (CKR/TM), che poi ha vinto Gara 1 davanti a Leonardo Lorandi (Tony Kart/Vortex), Alessio Baldi (CRG/Modena), Matteo Viganò (Top Kart/TM) e Daniele Vezzelli su CRG/Modena. Nell’altra gara Celenta ha battuto Viganò, Lorandi, Baldi e Massimo Mazzali (Croc/TM). In graduatoria Celenta ha approfittato del weekend “no” di Mirko Torsellini (Exprit/TM) per allungare. In OKJ Alessandro Giardelli su Tony Kart/Vortex del Lario Motorsport ha avuto la meglio al venerdì, salvo poi dover “abdicare” nelle batterie a vantaggio di Marzio Moretti (Tony Kart/Vortex). Domenica è stato Andrea Rosso (Birel ART/TM) a dare lo strappo, chiudendo davanti a Moretti, Leonardo Papalia (Tony Kart/TM), Edoardo Morricone (Tony Kart/Vortex) e Lorenzo Ferrari (Tony Kart/Vortex). L’altra Finale è stata appannaggio di Moretti, seguito da Rosso, Giardelli, Lorenzo Ferrari (Tony Kart/Vortex) e Dan Skocdopole su CRG/Iame del team Gamoto, che si è guadagnato gli applausi del pubblico per le 10 piazze guadagnate rispetto allo start impreziosite; un risultato davvero degno di nota se si pensa che il ceco è alle primissime esperienze in OKJ dopo il trascorso in Mini. In classifica è lotta a tre tra Moretti, Perdana Minang (Tony Kart/Vortex) e Nicolò Genisi (Formula K/TM), con l’alfiere del team Baby Race che possiede 14 punti di vantaggio sui due inseguitori. In  60 Mini ad aver segnato il miglior tempo nelle Qualyfing Practices è stato Diego Contecha (Tony Kart/TM), sabato però è arrivato il cambio passo di Evann Mallet (CRG/TM), che poi ha vinto Gara 1 davanti a Nicolò Cuman (Tony Kart/TM), Alfio Spina (CRG/TM), Leonardo Caglioni, tornato alla corte di Antonio Penna in Evo Kart dopo la breve esperienza con Giuliano Kart, e José Antonio Gomez (CRG/TM). Nell’altra corsa Spina ha avuto la meglio su Mallet, entrambi autori di una bella rimonta, Alessandro Cenedese (Tony Kart/Vortex), Maya Weug (Top Kart/TM) e Gomez. In campionato Mallet ha accorciato le distanze su un Gabriele Minì (Energy/TM) un po’ attardato. Lo spettacolo del karting italiano tornerà in scena a Triscina il weekend 18 settembre.