Joyner e Martins superano a pieni voti la prova europea di Portimao.

Tom Joyner e Victor Martins sono stati i vincitori del terzo e penultimo round dell'Europeo CIK FIA per le classi OK e OKJ.

Grande domenica di spettacolo a Portimao, dove si è appena completato il terzo round del Campionato Europeo CIK FIA.

Spettacolo ed incertezza a Portimao nella fase finale del terzo round del Campionato Europeo CIK FIA per le classi OK e OKJ. A tagliare per primi il traguardo sono stati Tom Joyner (Zanardi/Parilla) e Victor Martins (Kosmic/Parilla). In OK l’inglese di casa Zanardi, dopo l’exploit iniziale di Pedro Hiltbrand (CRG/Parilla), ha preso la testa della corsa costruendosi il vantaggio necessario per contenere il ritorno del poleman Ben Hanley (Croc/TM) al quale non è bastata una serie di giri veloci per riprendersi la leadership. 3° Hiltbrand, seguito da Marta Garcìa (Evo Kart/Parilla), fattasi particolarmente ingombrante per l’alfiere CRG negli ultimi passaggi. Più staccato Alexander Smolyar (Tony Kart/Vortex), che ha avuto la meglio nella lotta in casa Ward con il team mate Lorenzo Travisanutto (Tony Kart/Vortex) e su una vecchia conoscenza del team svedese ora in Ricciardo, Christian Lundgaard (Ricciardo/Parilla). Concludono la top10 Marcus Armstrong (Tony Kart/Vortex), Hannes Janker (CRG/Parilla) e uno strepitoso Clement Novalak (Tony Kart/Vortex), abile addirittura a rimontare dalla 28a piazza dello starting grid. Con il successo odierno, approfittando anche della domenica no di Karol Basz (Kosmic/Vortex), Joyner balza intesta alla graduatoria. In OKJ, invece, sorprende Martins, outsider che nel weekend portoghese si è saputo ritagliare un ruolo da protagonista complice anche una fase finale priva di errori. Il francese non si è fatto sorprendere allo start da Teddy Wilson (CRG/Parilla) che, dopo un inizio incoraggiante, è entrato in contatto con Kiern Jewiss (Exprit/Vortex); i due sono così precipitati rispettivamente in 16a e 25a piazza privandosi della possibilità di lottare per un “posto al sole”, il podio. Mentre il discorso per la vittoria era ormai chiuso, lo stesso non è stato per gli altri due gradini del podio. Ne hanno approfittato Caio Collet (BirelART/Parilla) e Muizzuddin Bin Abdul Gafar (DR/TM), abili a fruttare un leggero contatto che ha rallentato Dennis Hauger (CRG/Parilla) e Sami Taoufik (FA/Vortex), 4° e 5° sotto alla bandiera a scacchi. Più staccato un tandem formato da Hampus Eriksson, Noah Watt e Ville Uitto, tutti su Tony Kart/Vortex “clienti”. Completano la top ten Oscar Piastri (FA/Vortex), che scattava dalla 1a fila e Pavel Bulantsev (Tony Kart/Vortex). In campionato Collet accorcia nei confronti del leader Watt.