‪24h di Le Mans: la Porsche conquista la pole a Le Mans #‎LeMans24‬ .

Sfruttando la pioggia caduta nella Q2 e nella Q3 la Porsche conquista la pole a Le Mans.

La Porsche 919 Hybrid di Dumas-Jani-Lieb partirà in pole domani a Le Mans.

La Porsche 919 Hybrid di Jani-Dumas-Lieb partirà in pole domani nell’edizione n°84 della 24h di Le Mans. La Porsche 919 Hybrid è la più veloce a Le Mans in qualifica.

Approfittando delle condizioni meteo limite che hanno reso, durante la Q3, quasi impraticabili le condizioni della pista francese la Porsche 919 Hybrid #2 di Jani-Dumas-Lieb conquista la prima posizione assoluta a Le Mans. Per Jani si tratta della seconda pole consecutiva nella classica endurance. Malgrado la qualifica conti poco in una 24h il blasone di una pole a Le Mans non è da sminuire, anche se ottenuto sfruttando solo uno dei tre turni di qualifica in programma. Nella categoria LMP2 a siglare la miglior performance è stata la Oreca-Nissan #26 del team G-Drive Racing con Rusinov-Stevens-Rast (ex pilota Audi) con il tedesco che ha siglato la pole provvisoria con il tempo di 3’36”605. Alle loro spalle le due Alpine A460-Nissan di Cheng-Tung-Panciatici e di Menezes-Lapierre-Richelmi. In classe GTE Pro la Ford porta a casa la pole al debutto con l’equipaggio Hand-Muller-Bourdais davanti alla vettura gemella di Dixon-Sharp-Westbrook. Terza la prima Ferrari 488 con Bruni-Calado-Pierguidi schierata dal Team AF Corse. Da tenere in considerazione che su Ford pesa ancora la valutazione dei commissari tecnici di ACO che sospettano che i piloti abbiamo volutamente “limitato” le loro performance pre Le Mans per avere dei vantaggi in termini di BoP (Balance of Performance). In classe GTE AM pole position per la Ferrari 458 Italia del Team Clarwater Racing di Bell-Sun-Sawa davanti alla Aston Martin di Lamy-Lauda-Dalla Lana e alla Porsche di Al Qubais-Hansson-Long. Sabato mattina alle ore 09:00 il Warm up e poi alle 15:00 lo start della 24h Ore di Le Mans. 

Classifica finale TOP 10 Qualifiche.

1 – Dumas-Jani-Lieb (Porsche 919) – Porsche – 3’19”733
2 – Bernhard-Webber-Hartley (Porsche 919) – Porsche – 3’20”203
3 – Sarrazin-Conway-Kobayashi (Toyota TS050) – Toyota Gazoo – 3’20”737
4 – Davidson-Buemi-Nakajima (Toyota TS050) – Toyota Gazoo – 3’21”903
5 – Di Grassi-Duval-Jarvis (Audi R18) – Audi Sport – 3’22”466
6 – Fässler-Lotterer-Tréluyer (Audi R18) – Audi Sport – 3’22”780
7 – Tuscher-Imperatori-Kraihamer (Rebellion R-One/AER) – Rebellion – 3’26”586
8 – Trummer-Webb-Kaffer WEBB (CLM P1/01) – 3’34”168
9 – Rusinov-Stevens-Rast (Oreca 05-Nissan) – G-Drive – 3’36”605
10 – Cheng-Tung-Panciatici (Alpine A460-Nissan) – Alpine – 3’37”175