Maserati Quattroporte restyling: nuova ma fedele.

L'ammiraglia del Tridente si rinnova dentro e fuori, mantenendo però inalterata la tradizione.

La Maserati Quattroporte facelift.

La Maserati Quattroporte si rinnova e non di poco. Nuove versioni, nuovi esterni, nuovi interni e nuova tecnologia. Le linee rimangono ovviamente fedeli al modello attuale, (lanciato nel 2013) dato il grande successo riscosso con oltre 24.000 esemplari venduti in 72 Paesi del mondo.

All’esterno la Quattroporte “restyling” ha un nuovo disegno per i paraurti, con profilo nero opaco all’anteriore ed estrattore con ugual rifinitura al posteriore. Cambia anche la griglia anteriore, con nuovi elementi cromati che richiamano l’Alfieri e che troviamo anche sul Levante. Rifinite in nero opaco sono anche le minigonne laterali, mentre i retrovisori esterni sono stati modificati nella loro forma.

Nella griglia è stato inserito anche un Air Shutter regolabile elettricamente, che in simbiosi con il paraurti, i convogliatori e il fondo piatto migliora i valori areodinamici del 10%.

Negli interni fa la sua comparsa un nuovo display da 8,4″che gestisce il nuovo sistema di infotainment, ora dotato anche di funzione mirroring per smartphone attraverso Apple CarPlay e Android Auto.

Per quanto riguarda i dispositivi di assistenza e sicurezza alla guida è disponibile, come optional, un pacchetto che comprende Adaptive Cruise Control con Stop&Go, Lane Departure Warning, Forward Collision Warning con Advanced Brake Assist e Automated Emergency Braking. Tutte le versioni sono dotate di sensore della qualità dell’aria AQS (Air Quality Sensor), che analizza e calcola i livelli di inquinamento esterno, impedendo l’ingresso di aria inquinata e gas tossici nell’abitacolo.

Nuova anche la strategia di gamma, con l’ingresso di due nuove versioni GranLusso e GranSport: le due versioni verranno proposte allo stesso prezzo per tutti i modelli V6, mentre per la GTS con il V8 twin-turbo 3.8 litri verrano proposte di serie.

La GranLusso è caratterizzata da finiture cromate esterne, interni firmati Ermenegildo Zegna in 100% seta e finitura in Radica a poro aperto della plancia. La GranSport invece è votata ad esaltare il carattere sportivo del marchio, con particolari esterni in Piano Black, pinze freno rosse, e disegno dei paraurti ancora più aggressivo. Negli interni sportività significa volante in carbonio o pelle (mentre sulla GranLusso è in pelle con inserti in legno), palette al volante in alluminio, finitura in Piano Black della plancia e sedili dalla conformazione sportiva.

Oltre la già citata GTS, Quattroporte è disponibile anche con il 3.0 litri V6 twin-turbo da 410 CV prodotto da Ferrari, sia in versione a trazione posteriore (Quattroporte S) sia con sistema a trazione integrale intelligente Q4 (Quattroporte S Q4). La coppia massima è di 550 Nm e la velocità massima è di 286 km/h. Lo 0-100 km/h è coperto in 5,1 secondi dalla Quattroporte S, mentre la S Q4 impiega 4,9 secondi grazie alla trazione integrale. Completa la gamma la Quattroporte Diesel, mossa da un 3.0 litri V6 Turbo da 275 CV che sviluppa 600 Nm di coppia, consente alla vettura una velocità massima di 252 km/h e un’accelerazione da 0 a 100 km / h in 6,4 secondi.

In dotazione su tutte le versioni sono invece il cambio automatico ZF a 8 rapporti e gli ammortizzatori Skyhook a controllo elettronico dello smorzamento.