GP di Canada: Hamilton super, ma Vettel non è da meno.

Grande vittoria per l'inglese della Mercedes con Vettel e la Ferrari nuovamente sul podio.

Lewis Hamilton vince il GP di Montreal 2016.

E’ stato il GP di Lewis Hamilton e di Sebastian Vettel. Due piloti di grandissimo talento che hanno tenuto milioni di tifosi incollati al televisore per tutti i giri sino alla bandiera a scacchi. A spuntarla alla fine è stato Hamilton, al secondo successo consecutivo dopo Monte-Carlo, grazie alla strategia con un solo pit-stop che ha concesso all’inglese di gestire bene le soft per 45 giri sorprendendo così la Scuderia Ferrari che aveva invece optato per due soste. Questa diversa strategia ha ovviamente penalizzato un Vettel super, capace di passare subito in testa davanti alle due Mercedes. Se il primo pit stop del tedesco non lo ha penalizzato più di tanto il secondo gli è stato invece “fatale” nel confronto con Hamilton: non siamo certi che anche a parità di strategia il tedesco sarebbe riuscito a conquistare la vittoria ma è indubbio che in Canada quello visto in pista era il Vettel dei giorni migliori.

Hamilton e Vettel sono oggi nettamente più veloci dei loro compagni di squadra. Nico Rosberg, partito male come Hamilton, è stato forse troppo ottimista alla prima staccata ponendosi all’esterno del britannico il quale non si è fatto sfuggire l’occasione per accompagnarlo sull’erba e spedirlo in nona posizione. Per Rosberg è stata molto dura risalire la china e una volta raggiunto Verstappen, il tedesco ha commesso un erroraccio che ha offuscato la sua prestazione complessiva. Secondo week end dunque sotto tono per Nico che ora rischia di subire nuovamente lo stato di forma del rivale inglese nei prossimi GP.

Kimi Raikkonen invece, ha concluso sesto un corsa che lo ha visto seguire la strategia di Seb. Per lui una gara incolore senza alcun sussulto. In Canada è invece risorto Valtteri Bottas: il finlandese su questa pista ha sempre fatto ottime prestazioni e finalmente questa volta ha potuto disporre di una Williams-Mercedes ha lo ha proiettato sul terzo gradino del podio. A Montreal abbiamo assistito ad un altra prestazione monstre di Verstappen: l’olandese della Red Bull-Renault si è pienamente rifatto dal weekend negativo di Monaco rendendosi protagonista di una buona partenza, un ottimo ritmo gara e di una strenua difesa nel finale dagli attacchi di Rosberg.

Pessimo invece il week end di Ricciardo, rimasto “offeso” dal ritorno in pista di Rosberg dopo la divagazione sull’erba alla prima curva. Daniel era più veloce di Verstappen nei primi giri tanto che dai box era arrivato l’ordine per Max di farlo passare. Ma subito dopo è uscita la VSC e le cose sono cambiate. Le gomme di Ricciardo hanno reso meno ed ha perso tren dei primi. Per lui dunque un settimo posto molto poco soddisfacente dopo gli exploit di Barcellona e Monaco.
A punti, ottavo, un consistente Nico Hulkenberg con la Force India-Mercedes che ha visto il compagno Sergio Perez chiudere decimo. In mezzo a loro ha concluso Carlos Sainz, autore di una gran rimonta dalla ventesima piazza sino alla nona con la Toro Rosso-Ferrari. Ancora una volta Sainz ha messo in ombra Daniil Kvyat, che non sembra essersi ripreso dal declassamento da Red Bull a Toro Rosso.

Risultati GP del Canada. 

1 – Lewis Hamilton (Mercedes W07) – 70 giri 1.31’05″296
2 – Sebastian Vettel (Ferrari SF16-H) – 5″011
3 – Valtteri Bottas (Williams FW38-Mercedes) – 46″422
4 – Max Verstappen (Red Bull RB12-Tag Renault) – 53″020
5 – Nico Rosberg (Mercedes W07) – 1’02″093
6 – Kimi Raikkonen (Ferrari SF16-H) – 1’03″017
7 – Daniel Ricciardo (Red Bull RB12-Tag Renault) – 1’03″634
8 – Nico Hulkenberg (Force India VJM09-Mercedes) – 1 giro
9 – Carlos Sainz (Toro Rosso STR11-Ferrari) – 1 giro
10 – Sergio Perez (Force India VJM09-Mercedes) – 1 giro
11 – Fernando Alonso (McLaren MP4/31-Honda) – 1 giro
12 – Daniil Kvyat (Toro Rosso STR11-Ferrari) – 1 giro
13 – Esteban Gutierrez (Haas VF16-Ferrari) – 2 giri
14 – Romain Grosjean (Haas VF16-Ferrari) – 2 giri
15 – Marcus Ericsson (Sauber C35-Ferrari) – 2 giri
16 – Kevin Magnussen (Renault R16) – 2 giri
17 – Pascal Wehrlein (Manor MRT05-Mercedes) – 2 giri
18 – Felipe Nasr (Sauber C35-Ferrari) – 2 giri
19 – Rio Haryanto (Manor MRT05-Mercedes) – 2 giri

Ritirati
35° giro – Felipe Massa
16° giro – Jolyon Palmer
9° giro – Jenson Button

Il campionato piloti
1.Rosberg 116; 2.Hamilton 107; 3.Vettel 78; 4.Ricciardo 72; 5.Raikkonen 69; 6.Verstappen 50; 7.Bottas 44; 8.Massa 37; 9.Perez 24; 10.Kvyat, Grosjean 22; 12.Alonso, Hulkenberg, Sainz 18; 15.Magnussen 6; 16.Button 5; 17.Vandoorne 1.

Il campionato costruttori
1.Mercedes 223; 2.Ferrari 147; 3.Red Bull-Renault 130; 4.Williams-Mercedes 81; 5.Force India-Mercedes 42; 6.Toro Rosso-Ferrari 32; 7.McLaren-Honda 24; 8.Haas-Ferrari 22; 9.Renault 6.