Nell’Europeo Karting CIK-FIA di Adria Hiltbrand (OK), Vidales (OKJ) e Federer (KZ2) vincono.

Ad Adria il campionato Europeo CIK-FIA porta in cima podio nomi importanti.

Il podio della Finale KZ2 con Federer vincitore.

Un pieno di emozioni all’Europeo di Adria.

Anche oggi piccoli scrosci di pioggia hanno impreziosito l’acceso appuntamento del Campionato Europeo di karting CIK-FIA, seconda tappa per le categorie OK, OK Junior e KZ2, di scena al circuito di Adria (RO). L’Adria Karting Raceway, al suo primo evento CIK-FIA, ha ospitato Finali dall’esito mai certo fino all’ultimo passaggio. Ne guadagna anche la situazione delle classifiche di Campionato, ricche di potenziali Campioni d’Europa, che nel weekend del 26 giugno saranno a Portimao (P), per sfidarsi nel terzo dei quattro appuntamenti di stagione per le categorie OK e OKJ. La KZ2 ha invece davanti la tappa finale di Genk (B), dove il 31 luglio sarà assegnato il titolo continentale. Di un Campionato così vivace, e delle gare vissute nel weekend in Veneto, sarà il servizio speciale di Motors TV a descrivere la prossima settimana ogni dettaglio.

Hiltbrand coglie l’attimo e vince in OK.

La vittoria in Prefinale non era servita a Pedro Hiltbrand (CRG-Parilla-Vega) per confermarsi leader anche in Finale: in una gara partita su fondo bagnato, lo spagnolo non ha potuto opporsi all’americano Logan Sargeant (FA Kart-Vortex), che ha condotto in testa l’intera gara fin quando l’ottimo Tom Joyner (Zanardi-Parilla) non ha tentato, all’ultimo giro, il sorpasso decisivo per la vittoria. Il pilota inglese è anche riuscito nell’impresa ma dalla bagarre che in quel momento si è scatenata con gli inseguitori, tra i quali il polacco Karol Basz (Kosmic-Vortex), è stato proprio Hiltbrand a riemergere dal quarto posto in cui era sceso. Lo spagnolo (nella foto in apertura, sul podio OK) ha vinto inaspettatamente davanti a Sargeant, con Joyner e Basz a seguire. Quest’ultimo resta leader di campionato, in una classifica decisamente più corta.

Vidales conquista la OK Junior.

Partito dalla pole in Finale OKJ, il norvegese Dennis Hauger (CRG-Parilla-Vega) è stato risucchiato dal gruppo, mentre lo spagnolo David Vidales ha preso agevolmente il comando. Ben presto lo svedese Isac Blomqvist (entrambi su Tony Kart-Vortex) ha scavalcato tutti, restando in testa quasi fino al termine. In una appassionante gara, anche qui su fondo umido, un bel ruolo lo ha recitato l’inglese Kiern Jewiss (Exprit-Vortex) che, dalla bagarre con i primi due, ha ricavato il secondo posto finale davanti a Blomqvist. Vincitore è stato infatti Vidales (sopra, sul podio OKJ), andato in testa negli ultimi giri e ora più vicino alla testa della classifica, che resta comandata dal danese Noah Watt (Tony Kart-Vortex) davanti a Blomqvist.

Federer vince sotto la pioggia.

Il bolzanino Fabian Federer (CRG-Modena-Vega) ha subito scavalcato il poleman Alex Irlando (Energy-TM), per poi restare al comando della Finale KZ2. Alle sue spalle si è installato poco dopo l’olandese Stan Pex (CRG-Vortex), che ha seriamente insidiato il leader quando, nella parte finale, la pioggia ha condizionato l’andatura di tutti i piloti. In una gara accorciata per motivi di sicurezza, Federer ha resistito concludendo vincitore, per un soffio davanti a Pex. Molto bravo è stato anche l’olandese Dylan Davies (CRG-TM), risalito terzo nei momenti più difficili. La vittoria di Adria lancia Federer (nella foto sopra, sul podio KZ2) in testa alla classifica, dove Pex sale al secondo posto.