Superbollo auto 2016: cos’è e chi deve pagarlo?

Come si calcola il superbollo e quando lo si deve pagare.

Il superbollo continua ad essere una tassa "iniqua" per le vetture di lusso.

Non è cosa nuova ma gli autoveicoli di lusso che superano i 185Kw in aggiunta al bollo auto ordinario devono pagare anche il superbollo auto. Il superbollo auto è un’addizionale erariale che si aggiunge al bollo ordinario cui gli automobilisti sono soggetti, ma, mentre quest’ultimo è una tassa regionale, il superbollo è destinato alle casse dello Stato.

Il super bollo auto è introdotto con l’articolo 23, comma 21, del D.l. 98/2011 (10 euro per ogni kW di potenza superiore a 250Kw), ma con il Governo Monti, nel 2012, l’importo viene portato a 20 euro per ogni Kw eccedente i 185Kw. Il superbollo auto consiste in un’addizionale erariale di cui è disposto il pagamento, entro il 1° febbraio 2016, per i possessori di auto di lusso, per tutte quelle autovetture ed autoveicoli per il trasporto promiscuo di persone e cose con potenza superiore a 185Kw e per le quali alla data del 31 dicembre 2015 risulta scaduto il bollo.L’addizionale è pari a 20 euro ogni Kw eccedente i 185Kw, ma viene comunque prevista una sua riduzione graduale in relazione alla data di costruzione del veicolo.

L’anno di costruzione del veicolo si fa coincidere solitamente con quello di immatricolazione e la riduzione è del 40%, 70%, 85% rispettivamente dopo cinque, dieci e quindici anni. Dopo venti ani dalla costruzione non è più dovuta.

 

L’Agenzia delle Entrate ha predisposto sul sito ufficiale un servizio on line al fine di agevolare i contribuenti nel calcolo dell’imposta dovuta.

Sono tenuti ed effettuare il versamento tutti i possessori di autoveicoli con cilindrata superiore a 185Kw e cioè: proprietari; usufruttuari; acquirenti con patto di riservato dominio; utilizzatori a titolo di locazione finanziaria, così come risultano essere iscritti al PRA (Pubblico registro automobilistico).

Mentre non sono tenuti al versamento i contribuenti che:

  • hanno effettuato la vendita del veicolo prima della scadenza annuale del bollo auto;
  • usufruiscono di un regime di esenzione;
  • usufruiscono di interruzione dal pagamento delle tasse automobilistiche;
  • possiedono un veicolo storico come riportato nella circolare n. 49 Agenzia delle Entrate.

Il mancato o insufficiente versamento dell’addizionale comporta una sanzione pari al 30% dell’importo non versato, a meno che non si ricorra all’istituto del ravvedimento operoso.