DS Vergin Racing sempre più forte nella Formula E.

Il team DS Vergin Racing perde il podio a Berlino.

Il pilota francese Vergne alla guida della sua DS-Formula E.

I piloti DS Virgin Racing, Jean-Éric Vergne e Sam Bird, hanno chiuso rispettivamente al quinto e all’undicesimo posto dell’ePrix di Berlino. La giornata è iniziata bene: dopo due sessioni di prova senza intoppi, il miglior tempo della Superpole per il pilota francese, che siglava la terza pole position consecutiva del team dopo Long Beach e Parigi.

Nonostante la delusione dopo la terza pole della stagione a Parigi, Sam Bird ha realizzato una bella prestazione nelle qualifiche, mancando di una sola fila la superpole. Ma poco prima che le auto si schierassero per la partenza, il pilota britannico è stato promosso in seconda fila dopo la squalifica dei piloti Mahindra Bruno Senna e Nick Heidfeld (inizialmente quarto e quinto) per un errore di pressione dei pneumatici.

La spettacolare partenza dell’ePrix di Berlino ha visto Jean-Éric Vergne cedere la prima posizione a Sébastien Buemi dopo pochi secondi, per poi riprenderla subito dopo e perderla di nuovo. Durante la prima parte della gara, il pilota francese ha sfiorato a due riprese i coni cercando di difendere la sua posizione. Ha perso i due deflettori e lo spoiler anteriore ma è fortunatamente riuscito a raggiungere senza problemi i box. Jean-Éric Vergne è stato soddisfatto della sua performance, anche se ha chiuso con un quinto posto.

Vergne: «Quando si parte dalla pole position, si vuole vincere. È andata così anche oggi ma Buemi era davvero veloce. Quando mi ha superato per la seconda volta e se ne è andato a quella velocità, ho capito che non l’avrei più ripreso. Anche gli altri piloti che mi hanno sorpassato sono stati davvero rapidi. Abbiamo fatto un ottimo lavoro per ottenere la pole position e questo dimostra quanto il team sia riuscito a migliorare l’auto, anche se sapevo che non avrei potuto fare meglio di un quinto posto. Ho comunque guadagnato punti utili per DS Virgin Racing e adesso siamo terzi. È fantastico perché la squadra se lo merita».

Bird e Daniel Abt puntavano entrambi alla terza posizione. A inizio gara, però, in uno scontro tra i due, il pilota britannico ha danneggiato lo spoiler, e il direttore di gara, in un eccesso di prudenza, l’ha obbligato a passare dai box per sostituire il pezzo. I tecnici di Bird hanno tentato di contestare la decisione ma non hanno avuto successo. Passando dalla quarta alla quattordicesima posizione, le speranze di Sam di conquistare il titolo si sono affievolite.

Sam Bird: «Questa decisione mi ha davvero deluso. Non mi aspettavo una bandiera nera e arancio per un danno di così di poco conto. Come ho detto alla radio, non credo che lo spoiler anteriore si muovesse così tanto. Adesso le mie possibilità di vincere il titolo si riducono moltissimo».

Ai box hanno sostituito il pezzo in un attimo. Bird però aveva perso dieci posizioni e non è riuscito a rientrare in top 10, anche se per un solo posto. Un risultato deludente per il pilota, che avrebbe potuto giocarsi il titolo se oggi avesse ottenuto un risultato migliore.

L’ePrix di Londra si svolgerà il 2 e il 3 luglio a Battersea Park. Per chiudere la stagione sono previste due gare