CIK-FIA Zuera (E): Basz, Watt e Hayek vincono. Ardigò sul podio della KZ.

Emessi sul tracciato spagnolo primi verdetti.

Il podio finale della categoria KZ a Zuera (E).

Si è concluso a Zuera (E) il primo round Europeo CIK-FIA delle categorie OK e OKJ e il secondo della KZ, nel giorno in cui a Barcellona si è celebrata la prima vittoria in Formula 1 di Max Verstappen, che proprio sul circuito aragonese, tre anni fa, trionfava in una gara KZ.

Watt si conferma al top in OKJ.

La competizione continentale ha dato la carica al danese Noah Watt, che nella giornata di oggi ha lasciato poco spazio agli avversari conquistando la Finale OKJ. L’unico che è riuscito a mettergli le ruote davanti, solo per qualche giro in Prefinale 1, è stato Isac Blomqvist (entrambi su Tony Kart-Vortex-Vega). In Finale, però, lo svedese non ha potuto far altro che provare ad attaccare nei primissimi giri, finché non ha dovuto cedere la posizione al brasiliano Caio Collet (BirelArt-Parilla-Vega), Collet ha infine concluso al secondo posto, lasciando a Blomqvist il terzo.

Basz primo a sorpresa in OK.

Si è risolta solo negli ultimi giri la Finale OK, che ha visto un gruppetto di agguerriti avversari contendersi la vittoria. Al via scatta in testa il britannico Tom Joyner (Zanardi-Parilla-Vega) seguito dal polacco Karol Basz (Kosmic-Vortex-Vega). Mentre i due combattono scambiandosi la prima posizione, alle loro spalle risalgono lo svedese Christian Lundgaard (Ricciardo-Parilla) e la spagnola Marta Garcia (EvoKart-Parilla). La lotta per la vittoria diventa così un affare a quattro che si risolve al penultimo giro con Basz che va in testa e si aggiudica quindi la Finale seguito da Lundgaard e Garcia, mentre Joyner, dopo un contatto con la spagnola, rimane attardato concludendo nelle retrovie.

Hajek conquista la Finale KZ.

Guardando solo la classifica, si potrebbe immaginare una gara tranquilla, con lo stesso terzetto di piloti al comando dal primo all’ultimo giro. Al contrario la Finale della KZ è stata piena tensione, con Il ceco Patrik Hajek (Kosmic-Vortex-Vega), il francese Jeremy Iglesias (Sodi-TM-Vega) e il bresciano Marco Ardigò (Tony Kart-Vortex-Vega) raccolti in appena mezzo secondo, pronti ciascuno ad approfittare di un momento di distrazione dell’altro. La tensione si è allentata solo negli alla fine, quando Hajek ha allungato leggermente, andando a vincere davanti al francese e all’italiano.