Verstappen vince il GP di Spagna ed entra nella storia.

Le gomme fondamentali per la storica vittoria dell'olandese della Red Bull Racing.

Il podio del GP di Spagna con un raggiante Max Verstappen.

Gli pneumatici e le strategie inerenti hanno giocato un ruolo determinante nella vittoria storica del pilota Red Bull Racing Max Verstappen. Al suo debutto con il nuovo team, l’olandese è diventato il più giovane vincitore di un gran premio nella storia della F1, chiudendo la gara su un set di medie con cui ha completato ben 32 giri: uno in più di quelli percorsi dalla Ferrari di Kimi Raikkonen, secondo alla bandiera a scacchi. Entrambe le Ferrari e le Red Bull hanno attuato strategie diverse: ciascun team si è fermato due volte con una monoposto e tre con l’altra. Nei 66 giri di gara sono state utilizzate tutte e tre le mescole – hard, medium e soft – per far fronte alla lunga battaglia, e la gestione dei pneumatici è stato un fattore chiave per il successo. Nel giro finale, erano ancora quattro i piloti in lotta per la vittoria, anche se Daniel Ricciardo ha registrato una lenta foratura sul finire della gara, causata probabilmente da un detrito.

Paul Hembery, direttore motorsport Pirelli: “È stata una battaglia strategica complessa fino alla fine, con Red Bull e Ferrari a dividersi la supremazia, e le tattiche che cambiavano di giro in giro. Come risultato abbiamo assistito ad una gara affascinante, imprevedibile fino alla bandiera a scacchi. Durante gli ultimi 10 giri i piloti hanno dovuto gestire i loro pneumatici per essere certi di mantenere le performance fino alla fine, aggiungendo ulteriore imprevedibilità all’azione. Oggi è stato scritto anche un nuovo capitolo nella storia della Formula 1, con il più giovane vincitore di sempre, e siamo molto orgogliosi di esserne stati parte”.