E’ stata la regina indiscussa dello stand Ferrari al Salone di Francoforte ed oggi è una delle “rosse” di Maranello più ammirate. La nuova Ferrari 488 Spider, naturale evoluzione della 488 GTB, riprende la soluzione del tetto metallico ripiegabile in 14 secondi della precedente 458 Spider e diventa la scoperta di serie più potente mai prodotta.

Per poter vantare questo incredibile record la Ferrari 488 Spider dispone di un propulsore V8 biturbo 3,9 biturbo che eroga 670 CV a 8.000 giri e ben 760 Nm di coppia a 3.000 giri abbinato esclusivamente ad un cambio automatico doppia frizione sette marce. L’elettronica molto evoluta gestisce l’erogazione della coppia in base ai rapporti inseriti e al numero di giri per offrire al fortunato guidatore sempre la migliore guidabilità, ma anche una prontezza di risposta degna degli standard del Cavallino. Nonostante la presenza dei turbocompressori la risposta del propulsore è “no lag”, ovvero senza ritardo, e servono soltanto 0,8 secondi per ottenere la potenza richiesta e necessaria. Una grande lavoro è stato fatto anche per mantenere una sonorità unica, con un impianto di scarico specifico per la versione Spider che non fa dimenticare l’urlo dell’aspirato presente sulla precedente 458 Italia. Le prestazioni sono ovviamente al top: la Spider supera infatti i 325 km/h e raggiunge i 100 km/h da fermo in 3 soli secondi netti, mentre servono solo 8,7 secondi per raggiungere i 200 km/h.

00008-ferrari-488-spider-motormedia Ferrari 488 Spider: eccellenza a cielo aperto. Supercars

Il nuovo design della carrozzeria è frutto di un complesso lavoro di ottimizzazione aerodinamica e l’esperienza maturata sulla base della 458 Speciale che ha portato i tecnici di Maranello a utilizzare la soluzione degli scarichi alti e del diffusore a tutta larghezza con flap mobili. Nuovi profili sono inseriti inoltre nelle prese d’aria laterali per il raffreddamento, nel paraurti anteriore con l’Aero Pillar, nella zona dei gruppi ottici posteriori e l’intero fondo è stato carenato per offrire ulteriore grip aerodinamico alle alte velocità. Come si conviene per una spider così estrema la scocca è stata rinforzata migliorando del 23% la rigidità torsionale complessiva della vettura.

00001-ferrari-488-spider-motormedia Ferrari 488 Spider: eccellenza a cielo aperto. Supercars

Mai come nel marchi Ferrari il know-how proveniente dall’esperienza maturata in F1 viene pi mutuata nella produzione di serie: come da tradizione della Ferrari dunque sono stati compiuti ulteriori passi avanti nella gestione elettronica di tutti i sistemi dedicati alla guida e al raggiungimento delle massime prestazioni. Come già proposto sulla coupè GTB, la 488 Spider è dotata del controllo dell’angolo di assetto SSC2 che gestisce le regolazioni del controllo di trazione F1-Trac, dell’E-Diff e degli ammortizzatori attivi SCM3: in questo modo è stata migliorata del 12% l’accelerazione in uscita dalle curve e del 9% la risposta ai comandi, per una guida ancora più precisa ed gratificante.

00011-ferrari-488-spider-motormedia Ferrari 488 Spider: eccellenza a cielo aperto. Supercars

L’impianto frenante carboceramico Brembo, derivato da quello della hypercar LaFerrari, garantisce spazi di frenata ridotti del 9% rispetto alla GTB e le nuove pinze assicurano un raffreddamento ottimale anche nelle condizioni estreme di utilizzo, mentre i cerchi di lega forgiati da 20″ hanno permesso di ridurre di ulteriori otto kg la massa totale. Che dire..un ottimo modo per farsi scorrere il vento fra i capelli… alla modica cifra di poco più di 210.000 euro.