Dacia Duster 2016 Test Drive

Oggi abbiamo provato la nuova Dacia Duster 2016!

Ha una linea tutt’altro che banale, un abitacolo spazioso e costa poco: il suo nome è Dacia Duster. Punta tutto sulla concretezza e sulla praticità, e con la trazione integrale si trova a suo agio anche su fondi innevati e sterrati.

È una suv low cost dunque, ma non attrae solo per il prezzo: esteticamente gradevole, ha una praticità spiccata grazie all’abitacolo in grado di accogliere comodamente cinque passeggeri e ad una bagagliaio dalla grande capacità di carico.

dacia-duster-test-drive-review-prova-strada-2016-prezzo-on-board.mp4_snapshot_00.15_2016.05.04_15.52.38 Dacia Duster 2016 Test Drive Video Test Drive

Dal punto di vista della linea esterna la Duster è molto gradevole e associa linee morbide ad un corpo vettura compatto e dall’immagine solida e ben proporzionata. A rendere ancora più interessante la parte frontale della vettura la presenza delle nuove luci diurne DRL. Internamente emergono invece le lacune del progetto sopratutti in termini qualitativi ed estetici. Le plastiche grigie non sono molto gradevoli al tatto e tradiscono un po’ troppa economicità. Gli assemblaggi, di contro, sono curati e la robustezza nel suo complesso non manca. L’abitacolo è molto abitabile e lo spazio per le gambe e sopra la testa abbonda pure per i passeggeri posteriori, sebbene chi occupa il posto centrale del divano si trovi un po’ limitato nei movimenti a causa del tunnel situato fra i piedi. Il bagagliaio ha una soglia di carico abbastanza alta ma si sfrutta bene grazie all’imboccatura ampia e al vano dalla forma regolare. Per quanto riguarda il piano di carico è sicuramente positivo il fatto che reclinando lo schienale, suddiviso asimmetricamente, non si creino gradini sul piano di carico.

L’estetica della strumentazione e della plancia, come detto prima, è un po’ datata e molti componenti sono quelli della Renault Clio di quasi un decennio fa: discutibile anche la collocazione dei comandi del “clima”, troppo in basso e poco raggiungibili, mentre il cruscotto si fa apprezzare per semplicità e completezza includendo un sistema di infotainment, denominato Media – NAV, sufficiente moderno e completo, oltre che di facile utilizzo.

dacia-duster-test-drive-review-prova-strada-2016-prezzo-on-board.mp4_snapshot_01.01_2016.05.04_15.53.49 Dacia Duster 2016 Test Drive Video Test Drive

Dal punto di vista dinamico la Duster si rivela molto agile in città, garantisce sempre un’ottima visione perimetrale sia in fase di guida che di manovra, mentre i rapporti corti costringono il guidatore ad usare un po’ troppo spesso il cambio, soprattutto in città. Nei tratti di guida extra urbana più tortuosi la Duster mantiene una buona stabilità ma accusa una risposta dello sterzo abbastanza lenta che porta ad avere meno fiducia del dovuto nelle sue doti di stabilità. Per ovviare a questo problema consigliamo vivamente l’adozione del sistema opzionale ESP che renda la Duster molto più stabile, soprattutto sui fondi baganti.

La buona insonorizzazione e le capacità filtranti delle sospensioni rendono gradevoli i viaggi autostradali e facendo diventare la Duster un’ottima compagna per i viaggi in famiglia. In fase di parcheggio la Duster è promossa a pieni voti in quanto, alla già citata, ottima visuale perimetrale può affiancare i sensori di parcheggio e anche la retrocamera di bordo.
Dal punto di vista motoristico, nonostante la cilindrata relativamente contenuta il 1.5 turbodiesel risulta sufficientemente brioso anche se, nei percorsi tortuosi, la Duster predilige mediamente le andature tranquille. Fra le curve, agilità e tenuta di strada non deludono, anche se resta i limiti di risposta dello sterzo, poco graduale e preciso, si fanno sentire specialmente alle andature più elevate. Le sospensioni sono efficaci nel filtrare asperità e giunzioni dell’asfalto, e il motore – che a 130 orari lavora poco oltre i 3000 giri – è efficacemente insonorizzato. Un ulteriore nota meno positiva è rappresentata dai freni che risultano essere poco incisivi e soprattutto forniscono una risposta al pedale poco omogenea.
Oltre al citato propulsore 1.5 dci da 110 e 90 cavalli la Duster è disponibile sul mercato anche con il 1.6 turbo benzina TCe da 125 cavalli al quale si affianca un altro benzina 1.6 16v da 115 cavalli.

dacia-duster-test-drive-review-prova-strada-2016-prezzo-on-board.mp4_snapshot_02.35_2016.05.04_15.53.08 Dacia Duster 2016 Test Drive Video Test Drive

La Duster è disponibile sul mercato in quattro livelli di allestimento: Duster, Ambiance, Laureate, Prestige. A queste versioni si è di recente aggiunta serie limitata denominata Urban Explorer oggetto della nostra prova. Accanto al Pack All-Road, questa versione speciale prevede inedite protezioni laterali e dei passaruota e i cerchi di lega diamantati neri da 16 pollici, così come non manca il Pack Look, che comprende le protezioni inferiori anteriori e posteriori, le barre sul tetto, le pedane laterali e gli specchietti esterni satinati in Dark Metal. Completano l’allestimento lo scarico cromato, i vetri laterali posteriori e il lunotto oscurati. Sono poi presenti di serie anche il Media Nav Evolution, la camera Pack e gli alzacristalli elettrici posteriori.

È disponibile con il 1.6 a benzina da 115 CV e il 1.5 turbodiesel da 110 CV, entrambi con trazione anteriore e integrale. I prezzi chiavi in mano partono da 14.800 euro per la versione 4×2 con motore benzina 1.6 litri da 115 CV e cambio a cinque marce.
Per quanto riguarda i prezzi in generale della gamma Duster si parte dagli 11.900 euro della 1.6 da 115 CV 4×2 in allestimento base ai 18.850 euro della 1.5 dCi da 110 CV 4×4 in allestimento Prestige.